30 agosto 2020

I forti della Val di Susa in offroad

Uno degli ultimi percorsi in quota della stagione, un classicissimo che consente di visitare e conoscere le strade e le fortificazioni militari della Valle di Susa.

Il percorso si articola, anche con varianti, lungo la strada militare Fenil Praman Jaffreau e, con uno sviluppo di 55 km e un dislivello di 2500 m, consente di arrivare alla caserma Seguret, al forte Pramand, al forte Jaffreau e al forte Foens. 

Impegnativo in alcuni tratti (la salita allo Jaffreau sulla neve, la discesa dallo Jaffreau su fondo particolarmente scavato e smosso, il trasferimento al forte Pramand a causa delle cattive condizioni della strada), ha regalato enormi soddisfazioni e panorami mozzafiato, e l'emozione di vedere la prima neve della stagione. 

Qui sotto la traccia caricata su Wikiloc.

Powered by Wikiloc

Anche se la giornata non era iniziata con le migliori premesse (forti piogge a Torino), il tempo è migliroato costantemente in Val di Susa durante la giornata.


Partenza da Exilles


L'inizio della strada militare








Pause frequenti perché il meteo migliora.





L'ampia area di sosta. Da qui si può andare verso il forte Pramand e verso la galleria Seguret.
Opteremo per la seconda destinazione, lasciando il forte come ultima tappa. 






Imboccata la strada per la galleria dei Saraceni



Il notissimo ingresso. 
L'incontro a metà galleria di un gruppo di fuoristrada provenienti in senso opposto ha reso il passaggio un po' complicato.


Fuori dal tunnel.

E' sempre emozionante uscire dal buio più completo e rivedere la luce del sole. 

I panorami sulla strada militare dopo la galleria. 


Caserma Seguret.




La Samurai tiene sempre un basso profilo, ma non si arrende. 

La prima neve sulle cime. 





Le piogge hanno reso il terreno compatto (qualche pozzanghera e fango, ma nulla di che), con l'enorme vantaggio di azzerare la polvere. 

Proseguendo sulla strada per lo Jaffreau, si incontra la linea della nevicata. 

Le temperature si abbassano. Cade qualche fiocco di neve. E' la prima neve della stagione. 



La salita si fa impegnativa. Il vento è molto forte, fra feddo, e il fondo è scivoloso per la neve e il fango. 




Un meraviglioso arcobaleno appare nella valle sottostante.






Verso il colletto, guardando giù.



L'arrivo al colletto.




La discesa dal colletto Jaffreau verso Bardonecchia. 
La strada è molto impegnativa, con pendenze marcate, sfondo smosso e tornanti stretti.



Si guida con estrema cautela sulle grosse pietre. 




Si devia quindi per Forte Foens. 

L'arrivo al forte Foens. 



La strada di rientro verso Salbertrand è chiusa al traffico, per cui si rientra ripassando dalla galleria del Seguret. 



L'attraversamento della galleria. 







Da qui, si decide di deviare al Forte Pramand. 
La strada è impegnativa: il fondo è scavato dalla pioggia, serve grande prudenza. 


L'arrivo sul tetto del forte. 




E infine la discesa verso Exilles. 

3 commenti:

Ruggero Rissone ha detto...

Felice di averti accompagnato in questa gita, ho il video di tutto il percorso ma mi serve tempo per il montaggio. Alla prossima avventura!!

FinestraWeb ha detto...

Complimentissimi!

packers and movers Ahmedabad ha detto...

I must say you had done a tremendous job,I appreciate all your efforts.Thanks alot for your writings......@ Packers and Movers Ahmedabad