19 giugno 2008

Stay behind. Sì, ma quante?

Uno dei tanti interrogativi che mi sono posto studiando le strutture militari clandestine di tipo stay behind in Italia è relativo al loro numero, esatto o presunto.
Oltre alla struttura Gladio, creata a metà degli anni '50, ero a conoscenza dell'organizzazione paramilitare che faceva capo alla Democrazia Cristiana.
Ne aveva svelato l'esistenza il deus ex machina di molte delle trame occulte italiane, l'ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga.
Durante un'intervista di non pochi anni fa, ripresa anche da Lucarelli per la puntata di Blu Notte sui rapporti tra servizi segreti americani e Italiani, il senatore dichiarò che a ridosso delle elezioni politiche del '48, paventando un successo elettorale dei comunisti, i carabinieri consegnarono ai dirigenti DC un cospicuo numero di armi "ancora efficientissime": poiché l'Arma non sarebbe stata in grado di difendere personalmente tanto il partito quanto la nazione in caso di un'invasione da Est. La così formata struttura miltare parallela stette in allerta per un po' di anni, per essere sciolta nel '56.
E sono due.
Nel saggio di Gianni Flamini (L'Italia dei colpi di stato) che sto leggendo si fa menzione di una struttura paramilitare formata nel Veneto sotto l'egida della NATO con compiti di contrasto del pericolo comunista (presumibilmente dalla Jugoslavia). Nell'organico di questa terza stay behind figuravano, come di consueto, personaggi di spicco della Repubblica Sociale, forse addestrati direttamente dagli americani.
E sono tre.
E forse sono anche di più. Non è un'ipotesi pellegrina.
Perché a me la storia dei 622 prodi gladiatori e dei depositi interrati non ha mai convinto. Anzi: m'è sembrata una organizzazione sì clandestina ma comunque di facciata, una sorta di copertura di ben altre strutture, superiori per dimensioni di organico e compiti assegnati, da far emergere come caprio espiatorio in caso di necessità, indagini (come le inchieste di Casson) o fughe di notizie. Perché difficilmente una struttura snella, delle dimensioni di una copagnia di fanteria, avrebbe passato grossi guai se pescata con le mani nella marmellata o semplicemente se smascherata da giornalisti e giudici. E così è stato: (quasi) tutti assolti, tutti innocenti.
Rimane l'interrogativo: quante e quali erano le strutture di tipo stay behind attive in Italia da Yalta fino agli anni 80?
Avevano compiti simili e divisione geografico-territoriale, o a ciascuna erano assegnate competenze diverse? Ed erano tutte sotto l'influenza diretta americana?

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Carissimo, capisco l'entusiasmo per il mistero che affascina tutti gli italiani, ma perche cercare sempre complotti e quant'altro quando sarebbe molto più semplice andarsi a rileggere le carte dei processi che dopo anni ed anni di futili ma numerosi sospetti si sono ritrovati in pratica con nessuna prova reale, ma solo supposizioni, e ritrattazioni di quanti dicevano sempre che il signor x dli aveva detto che aveva sentito dal signor y.. e così via. In pratica una campagna abnorme di disinformazia creata ad hoc da qualcuno.. che alla fine apparte tanto clamore non ha avuto alcun risultato se non quello di mandare in galera innocenti, scarcerati solo dopo anni senza alcuna prova, e neanche due righe per chiedere scusa ! Andatevi a leggere libri come "La vittoria dei Gladiatori" o "Gladio, La Verità Negata",, sicuramente iniziarete ad avere dubbi su quanto di fantasioso avete letto finora. Visitare il sito ufficiale degli ex appartenenti a Gladio, e chiedere direttamente di persona a loro qualsiasi cosa, vedrete che cadranno tutti i castelli di sabbia utili solo a mitizzare complotti e ad avvolgere tutto in misteri e gialli.. beh, a molti piacciono le finction, o sbaglio?
Ogni volta che succede qualcosa che non si vuole spiegare, si da la colpa a quelli di Gladio.. forse perche non ci sono più e non saprebbero come difendersi? Si chiama a testimoniare sempre gente morta, non vi pare paradossale????!
Fatevi una cultura di informazione non di disinformazia pure ! p.s. per info il sito ufficiale è : http://www.stay-behind.it/stay.htm

Kanchipuram sarees ha detto...




kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees
kanchipuram silk sarees