16 luglio 2007

Compleanni, marketing e aziende.

Venerdì ho compiuto 32 anni. Un fatto che non ha nulla di straordinario. Eppure, per le aziende anche un compleanno può essere un'occasione di marketing e promozione. Basta saperla usare correttamente.
Infatti ogni volta che ci registriamo ad un sito web, accediamo ad un servizio online, acquistiamo un bene con l'e-commerce o compiliamo un questionario, ci viene regolarmente chiesto di inserire la data di nascita. In questo modo, vendors e aziende sanno quando compiamo gli anni.
Vediamo due esempi dell'uso di questo dato: uno funziona, l'altro no.

Sì. Venerdì leggendo l'email ho notato che un sacco di "amici" di MySpace mi avevano mandato messaggi di auguri, più o meno personalizzati, e mi sono ricordato che nel pannello di controllo di MySpace c'è l'alert che segnala i compleanni degli amici della propria rete: quando X compie gli anni, riceviamo una notifica che ci ricorda che possiamo fargli gli auguri. Una funzione semplice, ma ben strategica in un contesto di social network quale MySpace. Promossa.

No. Per il secondo o terzo anno di fila, anche Vodafone (di cui sono cliente dal 2000), mi scrive per farmi gli auguri di compleanno. E fin qui tutto bene. Le cose peggiorano quando, in un eccesso di magnanimità, mi dice di autenticarmi sul sito 190.it per ricevere in regalo l'attivazione di una delle promozioni attive. Ma già prima di andare alla sezione Servizi e promozioni so che rimarrò a bocca asciutta. Infatti il 13 luglio è troppo tardi per la Summer Card e troppo presto per la Christmas Card con la conseguenza che nessuna promozione è attivabile gratuitamente. E' come se un ospite si fosse presentato alla mia festa con un pacchetto vuoto: gli auguri sa soli sarebbero stati più graditi. Bocciata.