01 novembre 2006

Dolcetto o scherzetto.

Con i bambini non ci so proprio fare. Mentre cenavo, qualcuno ha suonato il campanello di casa; sono andato ad aprire e alla porta c'eano tre bambine in maschera, almeno credo. Hanno recitato in coro Dolcetto o scherezetto, e io me ne sono stato lì sullo zerbino a guardarle con sguardo ebete e a chiedere: "Che devo rispondere? Vi devo dare dei dolci, è così? In casa non ho ho dolci, non credo di avere nulla...", e più queste tre faccette mi guardavano sbigottite più io non sapevo che dire fino a che ho consigliato loro di provare da qualche altro vicino.