20 settembre 2006

Più lavoro o meno lavoro? Dipende.

Oggi i giornali sentono l'impellente bisogno di dire la loro sull'occupazione.
Per Repubblica tramonta definitivamente il sogno del posto fisso per i giovani che si affacciano sul mondo del lavoro: l'articolo cita uno studio dell'Isfol secondo cui gli under 25 che ottengono un contratto a tempo indeterminato si contano sulle dita di una mano, e nel nord est concreto produttivo.
Il Corriere invece strombazza in prima pagina i dati dell'ISTAT secondo cui la disoccupazione cala ancora, come ai tempi del 92 (ma non era stato l' annus horribilis dell'economia italiana?) e vissero tutti felici e contenti. Mi piace come lavora l'ISTAT: per calcolare l'inflazione, si riferisce al prezzo del carcadè; per calcolare la disoccupazione, chiede al governo. O alla Regione Sicilia che ci tiene a fare bella figura.
Ma è La Stampa a dare il meglio della giornata: in Italia lavorano tutti, ma proprio tutti, anche i bambini.
Chi ha ragione? Difficile dirlo. Anche perché oggi è un giorno triste, si aper il mondo del lavoro che per quello del giornalismo: a tre uomini valorosi e giusti è stato messo il bavaglio. Chi ci salverà?