01 gennaio 2006

[Cantine.org] Slick – Paradiso elettrico.

Recensione pubblicata su Cantine.

Il gruppo, di recente formazione (2003), si muove intorno alla figura del cantante e chitarrista Stefano Ferrari. Paradiso elettrico, un mini CD con 3 tracce (scaricabili dal sito), si apre con l’intro Retrò, un bel mix di chitarra classica e viola, che stupisce per la semplicità, l’efficacia e la pulizia.
Le altre due canzoni mostrano invece l’anima rock degli Slick, con chitarre sporche e dalla grana grossa, batteria precisa, e una voce che convince grazie anche alla presenza dei cori su alcune parti vocali. Sono evidenti le influenze sonore tanto del brit rock quanto della scena rock piemontese (Mambassa, Subsonica, Marlene Kuntz).
I testi, orecchiabili e immediati, mostrano una certa maturità a livello compositivo e strutturale, con l’utilizzo del collaudato schema strofa-ritornello-strofa.
Con Paradiso elettrico gli Slick portano in musica un piccolo affresco della quotidianità, privo degli ermetismi e degli eccessi spesso insinceri di chi inizia a fare rock.

Tracce

1. Retrò (0:50)
2. Paradiso Elettrico (3:34)
3. Polvere (3:34)

Formazione

Sté - Chitarra e Voce
Andre - Batteria e Viola
Bobo - Chitarra
Diego - Basso e Cori