18 dicembre 2006

Gli auguri di Natale.

Il Natale non piace a nessuno, se ascolti un po' di discorsi nei corridi e alla radio.
Ecco, io sono tra quelli che non gioiscono per il Natale. Perché mi incazzo nel traffico, non mi piace lo shopping, e Frank Sinatra, per quanto ne so, è morto.
Perché il parcheggio dell'Auchan sembra un villaggio vietnamita bombardato con il napalm.

Vuoi farmi un regalo? Non fare niente, soprattutto non voglio i tuoi auguri standard.
Se la tua più alta manifestazione d'affetto nei miei confronti è mandarmi un SMS con scritto
Caro/a contatto della mia rubrica, i miei più sinceri auguri per un Buon Natale e un Felice Anno Nuovo
perché hai avuto la disgraziata idea di comprare qualche Christmas Card e ora hai 300 messaggi gratis al giorno, ferma pure il ditino alla voce Pippo cell.

Se stai preparando qualche buffo bigliettino elettronico da mandare per email, e magari un allegato .pps con frasi piene di saggezza, non includere il mio indirizzo nel tuo BCC. Risparmiami la fatica di leggere la prima parola ed eliminare il tuo messaggio.

Vuoi farlo comunque? Allora non arrabbiarti se non ricambierò la cortesia.
Non risponderò a nessun messaggio standard, quelli scritti una volta e inviati uguali a tutti. Li cestinerò tutti, senza esclusione.

Un grazie di cuore, non un grazie standard.