03 ottobre 2006

Aruba cambia webmail (in peggio).

Ho aperto la mia prima casella email con il provider Aruba nel 2001. Un'interfaccia scarna e funzioni davvero basic: autenticazione in chiaro, rubrica poco intuitiva, nessuna possibilità di ordinare i messaggi per campi diversi. Se si pensa che già nel 1997 Hotmail garantiva l'autenticazione con SSL...
Ho ritrovato la stessa interfaccia quando nel 2002 ho registrato con Aruba il dominio piersantelli.it. In questo caso, le caselle non sono gratuite: si pagano con la sottoscrizione del servizio di hosting. Un po' più di attenzione per i clienti paganti non mi sarebbe dispiaciuta.
Con il passare degli anni, mentre si diffondevano le webmail con capacità elevate (1 o 2 Gb) e interfacce dinamiche (ad esempio Gmail), ricche di servizi gratuiti (antispam, antivirus), la webmail dei domini su Aruba sfidava il tempo ed il progresso, continuando a presentarsi statica e di ridotte dimensioni (50 Mb).
Per avere antivirus e antispam, l'anno scorso ho sottoscritto un servizio a pagamento da 2€ all'anno, ed ho già avuto modo di lamentarmi della sua completa inefficienza.
Né basta. Perché ieri, senza alcun preavviso (eccezion fatta per un laconico comunicato), Aruba ha cambiato piattaforma di webmail, rendendola compatibile con più browser e dispositivi mobili (ma lo era anche prima: ho letto la posta con un PDA tutta l'estate).
Altre migliorie? Direi proprio di no: 50 Mb erano e restano, autenticazione sempre in chiaro. Anzi, peggiora la leggibilità dei testi a causa dei caratteri troppo piccoli.
Inoltre, il porting dev'essere stato fatto in fretta e furia perché una funzione davvero essenziale non è stata assicurata: l'importazione della rubrica creata sulla precedente versione. La nuova rubrica è vuota. Eppure si tratta di una rubrica remota, non locale: cosa ci voleva a renderla di nuovo disponibile?
Non è cosa da poco: sulla vecchia webmail, ho una rubrica da 50 e più contatti, che non può essere salvata né esportata. E fra pochi giorni, l'accesso alla vecchia webmail sarà interrotto. Il che significa che se non riuscirò a salvare per tempo uno ad uno i miei contatti, li perderò per sempre.
Ho scritto all'assistenza lamentando il problema: mi è stato prontamente risposto:
"La informo che al momento non è possibile trasferire informazioni (come la rubrica) e impostazioni personalizzate dalla vecchia interfaccia. Le ricordo però che la vecchia interfaccia è temporaneamente disponibile al link, proprio per rendere possibile il recupero dei dati. Distinti saluti."
Peccato che il recupero dei dati sia praticamente impossibile.
A luglio dovrei rinnovare il dominio piersantelli.it con Aruba. Dopo questo scivolone (non il primo) sto seriamente pensando di vagliare altri provider.