02 luglio 2006

Il torrone Demurtas.

No, non è una pubblicità.
Un anno fa, di ritorno dalla Sardegna, scrissi un post scherzando sul nome di un dolciume in vendita su una bancarella. Lo corredai di una piccola foto scattata con il cellulare: nella foto si intravedeva una simpatica ragazzina al banco dei dolci. Chiesi ed ottenni consenso verbale.
Qualche settimana fa ho ricevuto una mail, abbastanza incazzata, da parte del proprietario della ditta di torrone Demurtas: tolga la foto altrimenti ci arrabbiamo. Più o meno.
Rispondo io: caro signor Demurtas, non si incazzi. Ora vengo in Sardegna e ne parliamo di persona.
Detto fatto, a San Teodoro ho incontrato il titolare della ditta, che ha garbatamente spiegato il motivo della sua richiesta: la figlia si vergogna di apparire in foto, e si era dispiaciuta di vedersi in un sito. Svelato l'arcano, ho promesso che avrei rimosso la foto.
Così ho fatto.
PS: Demurtas mi ha anche offerto una degustazione del suo torrone, quello al miele con la cialda sopra. Buono da morire.