27 aprile 2006

Azione ostile.

È questo il termine usato dalle forze armate per definire gli attentati perpetrati contro il nostro esercito e i Carabinieri in missione a Nassiriya. Dopo la strage alla base Maestrale (12 novembre 2003, 19 vittime) e l'elicottero precipitato (31 maggio 2005, 4 vittime; sarà stata davvero una tempesta di sabbi?a), altre 3 vite interrotte in Iraq.
C'è un nome per tutto, in questa guerra. Un nome per gli attacchi (azioni ostili), un nome per le bombe utilizzate (IED, Improvised Explosive Device), un nome per le menti e le mani (unità M-21 del Mukhabarat, il servizio di intelligence di Saddam).
È come se si stesse affidando a questo raffinato nominalismo il compito di anestetizzare le nostre paure e tenere a distanza la certezza di aver compiuto un errore grave e grossolano.