02 ottobre 2009

So what. SO WHAT?

non ho piu' scritto molto. anzi, quasi zero. ne ho ben d'onde, ci ho i miei sacrosanti motivi. per questo breve aggiornamento non usero' nemmeno le maiuscole. ci ho i miei sacrosanti motivi.
lasciate che ve lo dica: qualche kilometro l'ho fatto. eppure, le distanze... e' come se non riuscissi a rassegnarmi.
invece dovrei essere cosi' onesto e coraggioso da fermarmi un attimo, tirare un respiro profondo e ammettere a me stesso che ho perso un sacco di persone e di legami e che non c'e' niente, ma proprio niente, che io possa fare per tornare indietro.
e' solamente il ragionevole e necessario prezzo che deve pagare chi e' lontano? oppure ho commesso cosi' tanti sbagli?
distanze, distanze. eppure, qualche kilometro l'ho fatto.
cambiamo discorso, che pero' in qualche modo c'entra perche' di strade e di distanze si parla diffusamente.
sto leggendo Buongiorno Los Angeles di James Frey, libro che ho acquistato -- perche' negarlo -- per il titolo e l'ambientazione (l'antica, mai sopito amore per la metropoli californiana) e accidenti se meritava l'acquisto. di cosa tratta, scopritelo nelle recensioni, io poi postero' la mia qui sul blog. non e' un romanzo e nemmeno un saggio. e' un po' entrambe le cose, e questo lo rende gia' meraviglioso. voglio dirvi che rientra nel numero ristretto di quei libri che non vorrei che finissero, o che almeno continuassero ancora un po'. Come mio uso e costume, consigli non ne do mai. Quindi se vi va di leggerlo, bene. Fate voi.



ma non era di libri che volevo scrivere. in realta' non volevo scrivere proprio niente.
volevo (e voglio), come al solito, tenermi tutto dentro. per fortuna, questa e' casa mia e posso fare quello che voglio.
so what.

Etichette: