28 ottobre 2006

Festival della Scienza di Genova.

Annunciazione, annunciazione! Venerdì prossimo interverrò al Festival della Scienza di Genova con una breve chiacchierata sul tema Comunicare con i blog. Avrò 15 minuti per parlare di web 2.0, rete partecipativa e riduzione della complessità: un'opera titanica. Dovrò sintetizzare un po'. Speriamo di farcela e di avere un po' di claque genovese a battermi le mani.
Vediamo qualche dettaglio logistico.
  • Dove: Area Porto Antico di Genova, sotto la tensostruttura.
  • Quando: venerdì 3 novembre h. 12.
  • Perché: i motivi son tanti, e fare un weekend lungo a casa suona poco professionale. Scegliete voi quelli seri.
Sul sito non c'è traccia del mio intervento, quindi dovete fidarvi sulla parola. Voglio dire, se lavorate in Sottoripa il rischio è praticamente minimo, no?

Vi aspetto!

Etichette: ,

La lezione di Venezia.


Eccomi tornato da Venezia per il mio intervento sui blog. La mia percezione è che le cose siano andate benino, forse anche qualcosa più che benino.
Non è stato facile raccontare in 45 minuti come funzionano il web e la pubblicazione dei contenuti on line ai tanti discenti che occupavano la sala. Discenti che, sia detto per inciso, stanno tutti sopra i 60 anni.
Ma alla fine, per mia soddisfazione, sembravano aver capito i miei discorsi sul web partecipativo e su come i blog hanno cambiato la rete. Missione compiuta.
Non basta. Perché a quanto pare sono andato a Venezia anche per ascoltare una lezione.


Prima della mia chiacchierata in tema di blog, web 2.0 e comunicazione, ci siamo riuniti nella sala stampa del Future Centre per la consueta esercitazione dei discenti.
Un signore distinto, con il papillon e le bretelle rosse, mi ha chiesto se poteva proiettare un'animazione fatta da lui al computer, come compito a casa della lezione sul programma Pro Show Gold.
Ha copiato il file sul PC collegato al proiettore, ha chiesto di alzare il volume perché "il sonoro è parte integrante della presentazione" e poi ha fatto partire Amarcord, la storia della sua vita dal 1935 ad oggi in cinque minuti.
Per l'animazione ha montato con una certa delicatezza le foto della sua esistenza, teneri bianconeri sbiaditi, lui infante, lui bambino a venezia, lui con la morosa, lui aviere di leva sull'Aermacchi 460, i primi scatti a colori, lui impiegato in banca, lui con qualche hobby; le foto - dicevo - erano accompagnate dal suo commento registrato in MP3.
Un commento a volte ironico, a volte triste, a volte intervallato dalla musica - Faccetta nera, Silenzio fuori ordinanza, la V di Bethoven - sui suoi 70 anni, ben portati con quei baffi curati e il papillon.
Sull'ultima foto, un ritratto di lui oggi, con un piccolo fotoritocco ha fatto comparire un'espressione triste e infine due lacrime.
Sui titoli di coda, le stesse lacrime sono apparse anche sul suo volto, quello vero, quello che non torna indietro con il tasto back e che a vederlo dritto negli occhi mette un po' a disagio, perché di fronte alla vecchiaia non si sa mai cosa dire.
Commuovente.

Etichette: ,

23 ottobre 2006

I want the Beta Blogger Features!

Postilla. Per "lavoro" qualche tempo fa ho creato un nuovo blog con la versione tradizionale di Blogger. Sono andato a smanettarci un po' e mi è stato prposto di fare il porting alla versione beta di Blogger, quella con i tag e le altre cosette.
Furbescamente, ho riprovato il giochetto con il mio blog principale (questo) e Blogger non mi ha offerto nulla, nada, nisba, nothing. Non rientro nei primi fortunati, a quanto pare perché non sono ospitato da Blogspot.
Quanto dovrò aspettare?

Etichette:

Back from Paris

La garibaldina trasferta a Parigi alla fine è andata bene nonostante le premesse. Sia detto per inciso, di Parigi non ho visto che una strada perché non mi sono mosso dall'albergo e dal centro commerciale.
Però ho visto la Canalis - da lontano, sul maxischermo - e questo basta.
Domani Venezia, ma questo ve l'ho già detto.

Etichette: ,

20 ottobre 2006

Verso Venezia.

Ve lo dico da Parigi che fa molto chic. Il 24 ottobre alle 17.30 circa sarò ospite del Progetto Italia - Accademia dell'Innovazione presso il Future Centre di Venezia per tenere una chiacchierata sul tema Comunicare con i blog.
Il Future Centre si trova nel Convento San Salvador, a due passi dal Ponte di Rialto.
Chi c'è c'è, chi non c'è...

Etichette: ,

19 ottobre 2006

Verso Parigi.

Inaspettatamente, e un po' all'Armata Brancaleone, vado a Parigi diciamo per lavoro. Anche sotto tortura non saprei dire a fare cosa: lo scoprirò sul posto.
Prevista pioggia fino a sabato e non ho ancora il biglietto di ritorno.
Insomma, si preannuncia una gitarella di tutto riposo.

Etichette: ,

17 ottobre 2006

Tentativo di phishing con Paypal.

Ho appena ricevuto un'email che per cinque secondi mi ha fatto preoccupare: il servizio clienti di Paypal mi notifica che ho appena autorizzato l'acquisto di un cellulare Nokia da 400 euro. Ecco il testo:

Dear PayPal Member,
This email confirms that you have paid LWPELECTRONICS (sales@lwpelectronics.com) $474.99 USD using PayPal.
This credit card transaction will appear on your bill as "PAYPAL LWPELECTRONICS*".

PayPal Shopping Cart Contents
Item Name:         BRAND NEW NOKIA 8800 CELL PHONE
Quantity:         1
Total:         $474.99 USD
    
Cart Subtotal:         $454.99 USD
Shipping Charge:         $20.00 USD
Cart Total:         $474.99 USD
    
Shipping Information

Shipping Info:         Bill Chang
202 N Magnolia Dr.
Saco, ME 04072
United States
Address Status:         Unconfirmed 
If you haven't authorized this charge, click the link below to cancel the payment and get a full refund.

La paura è durata poco perché:
  • il messaggio mi è arrivato su una casella che NON uso per Paypal
  • il negozio http://www.lwpelectronics.com/ non esiste (punta alla solita pagina con i link a searchportal.information.com
  • ho controllato il mio conto Paypal e ovviamente non risulta alcuna transazione
  • l'ultima riga del messaggio contiene il tranello: se non hai autorizzato il pagamento, clicca qui. Ma è un mezzo tranello perché il link non funziona.
Ora, anche volendo farmi truffare, non saprei proprio come: il messaggio di phishing, anche se potenzialmente dannoso, non mi dà modo di diffondere i miei dati personali. Forse dovrei scrivere a lwpelectronics e attendere che questi mi estorcano una password. Chissà.
Il fatto rilevante è un altro. Il phishing continua a tappeto, i sistemi antispam della maggior parte di email non riesce a filtrare tutta la schifezza che gira e gli utenti medi o maldestri continuano ad essere vittime di questi ladri di polli.
Spero che questo post sia utile. La mia ultima segnalazione ha tranquillizzato un amico che aveva ricevuto un messaggio simile e non sapeva che pesci pigliare.

Etichette:

11 ottobre 2006

Le classifiche del Corriere.

Vada per quelli mondiali e americani: anch'io leggo Engadget e Gizomodo tutti i giorni.
Ma mi chiedo con quale criterio saranno stati classificati i primi 10 blog italiani.

Etichette:

10 ottobre 2006

F.A.Q. sui genovesi fuori sede.


Sono di Genova, anche se da quasi sei anni lavoro a Torino e vivo a Settimo. Genovese.
Lo capisci dalla mia cadenza, da certi miei modi di dire.
Se non lo capisci, prima o poi verrà il discorso, e allora pronuncerai la fatidica frase: Ah, ma sei di Genova...!, cui segue normalmente sempre la stessa serie di domande e considerazioni sull'essere genovese.

Per questo, caro interlocutore sabaudo, meneghino o capitolino, ti risparmio la fatica di fare domande banali, pubblicando a tuo beneficio le completissime

F.A.Q. sui genovesi fuori sede

con le quali spero di rendere un buon servizio anche a tutti i miei concittadini che hanno lasciato la Superba per qualche inconfessabile motivo.

1. Sei di Genova?! E come mai sei venuto proprio a Torino
?

Sì, lo so, sembra incredibile: sono proprio di Genova. Una mattina mi sono detto: "Ora lancio una moneta in aria; se viene testa, resto a Genova, se viene croce cerco un lavoro e me ne vado, che so?, a Torino". Croce.

2. Ma non hai la possibilità di trovare lavoro a Genova?

Certamente. Ogni settimana ricevo decine e decine di offerte in grandi società multinazionali con sede a Genova, Tokyo e New York: presidente, amministratore delegato... Ma cosa vuoi, ho fatto l'ADSL qui a Torino e ora mi secca disdirla.

3. Ma non hai la possibilità di trovare lavoro a Genova? Voglio dire, con il porto...

Ceeerto, ci pensavo proprio ieri: "Uno di questi giorni torno a fare gli svincoli in dogana per qualche spedizioniere che assume in nero". Emozionante, vero?

4. Non ti manca il mare?

Moltissimo. Sai, prima di venire a Torino lavoravo su un peschereccio, avevo un basco di lana rosso e blu e fumavo la pipa.

5. E com'è Genova?

Non ti perdi nulla. Stai pure lì dove sei. Genova vivrà benissimo anche senza i tuoi originalissimi commenti su quanto sono bui i vicoli e com'è buona la focaccia.

6. E com'è Genova? Io ci passo tutte le estati per prendere il traghetto per la Sardegna...

Ma allora sei recidivo. Ecco, puoi immaginartela come un enorme terminal traghetti. Al posto delle strade ci sono colonne e colonne di auto cariche di bagagli e ragazzi che gridano "Tirrenia! Moby! Biglietti alla mano signori!"

7. Certo che quella strada sopraelevata che passa davanti al porto è proprio brutta! Quand'è che la togliete? (sorrisetto ammiccante)

Non lo so, ma prometto che quando la demoliranno ti inviterò a partecipare all'evento. Magari legandoti stretto ad un pilastro.

8. Ho fatto il militare con uno di Genova, nel 96. Aviere Parodi. Lo conosci?

Mi pare di sì. Se lo vedo, dico che lo saluti o la finiamo con queste cazzate?

9. Sai se c'è qualcosa di nuovo all'Acquario?

Perché, tu mi sai dire se c'è qualcosa di nuovo al Duomo o alla Palazzina di caccia di Stupinigi?

10. Ma tu sei del Genova o della Sandoria?

Allora. Se alludi alle squadre di calcio, si dice Genoa e non Genova, Sampdoria e non Sandoria. Sono Genoano, e sì, l'anno scorso il nostro presidente ha comprato una partita. Vogliamo parlare di Moggi? Ecco, da bravo.

11. E dove vivi a Genova di preciso?

In Albaro. Conosci il quartiere?

12. Veramente no, chiedevo così per dire... Certo che stando a Genova potresti fare il bagno tutti i giorni, no?

Come no! C'è il divieto di balneazione per 30 chilometri, le alghe, il catrame, le garze del Gaslini, gli scarichi del Bisagno, ma per il resto è come stare alle Maldive.

13. E... quanti chilometri sono da qui (generalmente Torino)?

Sono circa 180 km.

14. Ah, beh, allora di che ti lamenti? In meno di 2 ore sei a casa...

Ma certo, una volta ci ho messo poco meno di 2 ore. Però era la finale Italia-Francia dei mondiali, c'era lo sciopero dei casellanti, il blocco dei TIR, delle targhe pari e dei conducenti con il cognome dalla A alla L. Scendi dalle nuvole: se il venerdì stai sotto le 3 ore casello-casello, vuol dire che sei uscito a Campoligure per andare a salutare una zia.

15. Ma è vero che i genovesi sono tirchi?

Sì. Nel senso che risparmiamo certe cazzate, a differenza di altri.

16. Un'ultima cosa: conosci Beppe Grillo?

Beppe chi? No, mai sentito prima.




Dedicato ai miei amici che sono o sono stati anche altrove.


(una cosa simile e prima l'ha scritta personalitaconfusa . Ma simile, mica uguale, no?)

Etichette:

09 ottobre 2006

Simpatiche canaglie.

Il petrolio scarseggia. Il petrolio è il fulcro degli equilibri in medio oriente, delle decisioni dei Paesi occidentali e della crescita di quelli orientali oriente, dove ancora si va in bicicletta ma - caspita - con quei PIL che dichiarano, presto tutti vorranno l'automobile.

In questa geografia divisa tra potenti e meno potenti, i secondi si muovono un po' come elefanti in un negozio di cristalli, e ogni tanto riemerge l'atmosfera da guerra fredda.

Mahmoud Ahmadinejad, che di lavoro fa il presidente dell' Iran, dice che il nucleare gli serve sì, ma solo a scopo energetico e quindi che non gli rompessero tanto le scatole se i suoi ragazzi arricchiscono un po' di uranio nel weekend. Poi ha questa faccia un po' così, non mette mai la cravatta, forse nemmeno ce l'ha una cravatta, sorride come dire "Tranquilli, è tutto a posto", noncurante delle sanzioni di mezzo mondo. Gli americani gli dicono di smetterla, lui sorride, partono i sottotitoli da destra a sinistra, e intanto nelle sue centrali si lavora. Tant'è.

Il nord coreano (o koreano) Kim Jong II è rimasto un pelo indietro nell'evoluzione delle forme di governo. Qualcuno dovrebbe essere così gentile da dirgli che il comunismo ce l'ha più solo Fidel, ma che con quei pezzi di ragazza che girano sull'isola, glielo si può anche perdonare. Ma, a dieci minuti di macchina dal Paese che ha la maggior diffusione di larga banda ed elettronica di consumo del mondo, parlare di materialismo storico e dominio della classe operaia suona un po' fuori moda. Tuttavia il governo coreano (o koreano?) continua la corda all'atomica. Ragazzi sinceri: mica fanno centrali, loro fanno missili ed esperimenti tipo anni '40. Lanciano un missile e quello cade come una pera. Allora fanno i test sotterranei: un botto della madonna, con rispetto parlando. La cosa non è andata giù a nessuno, nemmeno ai cinesi che se possono gli danno una mano. Figuriamoci ai giapponesi, che con l'atomica hanno avuto la peggiore esperienza possibile.

Tra l'altro, la notizia ricorda un po' la Francia e i tricchetracche di Mururoa e Papeete, a.D. 1995. Si fece un po' di rumore, poi nulla. Chissà come è andata a finire.

Gli occhi del mondo che si definisce occidentale sono tutti puntati su questi due ragazzacci e sui loro Paesi, dove mancano probabilmente l'assistenza sanitaria e la carta del diritto dei lavoratori, ma che in armamenti, eserciti e uranio non si fanno mancare nulla. E con cui il dialogo non è lo stesso che si può avere con il governo francese, per fare un esempio.
Si è tra due fuochi: perché i c.d. paesi occidentali, Bush in testa, all'estero sono aggressivi; ma tra l'ingegnere persiano e questo curioso signorotto medievale coreano pare che non ci sia molto da ridere.

04 ottobre 2006

[Webmail di Aruba] Ci ho messo una pezza.

Evidentemente questi anni di lavoro nell'IT (certo, come clandestino, ma pur sempre IT è) mi hanno reso previdente. Per qualche ragione tempo fa (e nemmeno me ne ricordavo) avevo creato in Outlook Express una rubrica .wab con tutti i miei contatti, o quasi.
Da questo file ho esportato i contenuti in testo in formato comma separated values e infine ho potuto importare i contatti dalla rubrica online della webmail.
Ma se ho ci pensato io che non sono nessuno, si può sapere a cosa pensano gli IT professional della server farmi di Aruba?
Mah.

Etichette:

03 ottobre 2006

Aruba cambia webmail (in peggio).

Ho aperto la mia prima casella email con il provider Aruba nel 2001. Un'interfaccia scarna e funzioni davvero basic: autenticazione in chiaro, rubrica poco intuitiva, nessuna possibilità di ordinare i messaggi per campi diversi. Se si pensa che già nel 1997 Hotmail garantiva l'autenticazione con SSL...
Ho ritrovato la stessa interfaccia quando nel 2002 ho registrato con Aruba il dominio piersantelli.it. In questo caso, le caselle non sono gratuite: si pagano con la sottoscrizione del servizio di hosting. Un po' più di attenzione per i clienti paganti non mi sarebbe dispiaciuta.
Con il passare degli anni, mentre si diffondevano le webmail con capacità elevate (1 o 2 Gb) e interfacce dinamiche (ad esempio Gmail), ricche di servizi gratuiti (antispam, antivirus), la webmail dei domini su Aruba sfidava il tempo ed il progresso, continuando a presentarsi statica e di ridotte dimensioni (50 Mb).
Per avere antivirus e antispam, l'anno scorso ho sottoscritto un servizio a pagamento da 2€ all'anno, ed ho già avuto modo di lamentarmi della sua completa inefficienza.
Né basta. Perché ieri, senza alcun preavviso (eccezion fatta per un laconico comunicato), Aruba ha cambiato piattaforma di webmail, rendendola compatibile con più browser e dispositivi mobili (ma lo era anche prima: ho letto la posta con un PDA tutta l'estate).
Altre migliorie? Direi proprio di no: 50 Mb erano e restano, autenticazione sempre in chiaro. Anzi, peggiora la leggibilità dei testi a causa dei caratteri troppo piccoli.
Inoltre, il porting dev'essere stato fatto in fretta e furia perché una funzione davvero essenziale non è stata assicurata: l'importazione della rubrica creata sulla precedente versione. La nuova rubrica è vuota. Eppure si tratta di una rubrica remota, non locale: cosa ci voleva a renderla di nuovo disponibile?
Non è cosa da poco: sulla vecchia webmail, ho una rubrica da 50 e più contatti, che non può essere salvata né esportata. E fra pochi giorni, l'accesso alla vecchia webmail sarà interrotto. Il che significa che se non riuscirò a salvare per tempo uno ad uno i miei contatti, li perderò per sempre.
Ho scritto all'assistenza lamentando il problema: mi è stato prontamente risposto:
"La informo che al momento non è possibile trasferire informazioni (come la rubrica) e impostazioni personalizzate dalla vecchia interfaccia. Le ricordo però che la vecchia interfaccia è temporaneamente disponibile al link, proprio per rendere possibile il recupero dei dati. Distinti saluti."
Peccato che il recupero dei dati sia praticamente impossibile.
A luglio dovrei rinnovare il dominio piersantelli.it con Aruba. Dopo questo scivolone (non il primo) sto seriamente pensando di vagliare altri provider.

Etichette: