27 settembre 2006

[Le città sull'acqua] Una notte a Venezia.

Il refettorio del convento di San Salvador, sede del Future Centre.

Dopo le recenti puntate ad Amsterdam, continuo il mio fortunatissimo peregrinare per le città sull'acqua con il primo dei tre appuntamenti a Venezia, presso il Future Centre di Telecom Italia. E a Venezia il 24 ottobre avrò l'onore di raccontare due o tre cose che so sui blog nel corso di una delle lezioni dell' Accademia dell'Innovazione.
Avevo promesso di mettere on line il mio contributo mentre lo scrivevo, ma alla fine ho preferito tenerlo su un buon vecchio documento di Word. Può darsi che metterò on line il pdf da scaricare.
Fine dell'annuncio pubblicitario. Torniamo al post.

Lettura: Italo Calvino, Lezioni americane. Sei proposte per il prossimo millennio.
Ascolto: Franco Battiato, Prospettiva Nevsky


La mia conoscenza di Venezia risale alle mie prime letture infantili; si tratta di Favole al telefono e Novelle fatte a macchina di Gianni Rodari (entrambi editi negli anni '70 per gli Struzzi di Einaudi), due gustose raccolte di fiabe e racconti brevi (Rodari usa il più corretto termine di novelle) che mia madre mi comprò nei primi anni '80, e che ho letto e riletto ininterrottamente per mesi e, a più riprese, negli anni successivi. A Rodari si deve l'invenzione di personaggi fantastici e innocui, ma profondamente simbolici e rappresentativi di un'Italia ancora semplice e buona, come il pane. Uno di questi era, se ben ricordo, il veneziano doc sior Todaro, e la sua vita si divideva tra calli e canali.
Undicenne andai a Venezia, un febbraio freddo e piovoso. Vent'anni fa.
Fu verso i 25, invece, che scoprii questa città nella novella Morte a Venezia di Thomas Mann: una città malincolica come sfondo ad una storia sofferta, una storia erò lontana a quella che potrei vivere. Per questo tutt'oggi mi ritrovo pù nelle pagine di Rodari, consumate dalle tante letture, che nei pensieri dolorosi di Mann.
Ma io sto di nuovo divagando.

Venendo da Ponte di Rialto e poi giù per Calle degli Specchieri, stretta, buia e confortevole, Piazza San Marco si apre agli occhio come un quadro di Canaletto. Se l'urbanistica perfetta delizia la vista, i numerosi quartetti d'archi sui palchi allestiti di fronte ai caffè, deliziano l'udito con il loro repertorio classico. Il vento leggero, in una serata fresca ma ancora lontana dal vero autunno, porta un sentore salmastro e di legno fradicio, dice che la laguna è vicina, proprio oltre il colonnato di San Marco.

Di ritorno, compiuto il perimetro della piazza, e con gli occhi estasiati di fronte alla bellezza antica e austera del Caffè Florian, rientro nelle calli, attraverso ponti, passo sotto bassissimi sottoporteghi con le travi di legno a vista che sembrano cadermi addosso. Ma tutto regge.
Tutto è in equilibrio, un equilibrio impossibile: perché questa città cammina sull'acqua da secoli eppure non ne è corrotta, non vi affoga: vi resta.

I negozi sono pieni di maschere e di vetro, come si addice a Venezia. Riflettevo, solo tra le strade strette, che la coesistenza di questi due prodotti tanto diversi per consistenza materica e funzione, è una delle contraddizioni di Venezia, come l'essere essa stessa terra e mare. Perché la maschera nasce per coprire, nascondere, creare mistero; mentre il vetro è trasparente, e non sottrae allo sguardo quello che vi è dietro o quello che in esso è contenuto.

Peccato solo avere avuto così poco tempo. Fra due settimane, piacendo a Dio e agli uomini, sarò nuovamente là, a lavorare il giorno e bighellonare la sera. Chissà che pensieri porterò a casa.

Annuncio finale. Poi basta pubblicità.
Il prossimo post sulle citta sull'acqua sarà probabilmente a novembre, dopo la mia visita a Barcellona (21-23 novembre), dove andrò ospite di una società di ricerca per fare una presentazione sulla distribuzione dei contenuti digitali multimediali.

25 settembre 2006

Cercasi testimone incidente Genova 29/07/2006.

Cerco un testimone che abbia assistito all'incidente che ho subito a Genova il giorno sabato 29 luglio scorso alle ore 12.20 pm; a bordo della mia Vespa PX150, mentre ero fermo allo STOP di Piazza della Vittoria per immettermi in via Armando Diaz, sono stato tamponato da una Peugeot 206 bianca.
Chi avesse informazioni o fosse stato presente durante il sinistro, può contattarmi al mio indirizzo di posta elettronica.
Le informazioni ritenute rilevanti ed utili saranno accolte con qualcosa di più di un semplice grazie.
I lettori genovesi sono invitati cordialmente a segnalare ed inoltrare il presente post ai propri amici, colleghi e contatti al fine di facilitare la ricerca.
A tutti un sentito ringraziamento.
Voster,
Pippo Piersantelli

24 settembre 2006

Blogger in versione Beta.

Non mi sembra che i ragazzi di Google abbiano fatto troppa pubblicità alla versone beta di Blogger. A quanto ho capito, al momento non è possibile applicare le nuove funzioni implementate nella versione beta agli account creati con la precedente versione di Blogger.
Così ho creato un blog di prova per vedere cosa cambia nella pubblicazione di un post. Ed ecco il primo risultato con le relative spiegazioni.

Etichette:

22 settembre 2006

Le Poste alle prese col phishing.

Non è una novità che l'azienda Poste Italiane - e soprattutto i suoi numerosi clienti - sia costantemente presa di mira dai soliti ignoti che inviano email per attirare gli utenti su siti fasulli allo scopo di carpire informazioni e appropriarsi della loro identità digitale. E' grave, perché nel caso di Poste.it l'identità digitale degli utenti coincide spesso con i loro risparmi. Credo che nessuno sappia quante sono le vittime del phishing in Italia.

Personalmente ricevo almeno un paio di email di phishing alla settimana, e su una casella di posta che nulla ha a che fare con il mio account su Poste.it.
Cosa dicono queste email? Più o meno sempre le stesse cose. Ecco il testo dell'ultima:

Gentile Cliente, nell'ambito di un progetto di verifica dei dati anagrafici forniti durante la sottoscrizione dei servizi di Posteitaliane è stata riscontrata una incongruenza relativa ai dati anagrafici in oggetto, da Lei forniti al momento della sottoscrizione contrattuale.

L'inserimento di dati alterati o comunque non completamente attinenti alla relatà può costituire motivo di interruzione del servizio secondo gli artt. 135 e 137/c da Lei accettati al momento della sottoscrizione, oltre a costituire reato penalmente perseguibile secondo il C.P.P . art. 415/a del 2001 relativo alla legge contro il riciclaggio e la trasparenza dei dati forniti in auto certificazione. Per ovviare al problema è necessaria la verifica e l'aggiornamento dei dati relativi all'anagrafica dell'Intestatario dei servizi Postali entro 4 (quattro) giorni dalla ricezione della presente.Scaduto tale
termine, in caso di mancato aggiornamento dei dati anagrafici, i servizi erogati da Posteitaliane saranno interrotti fino a nuove disposizioni. E' possibile effettuare l'aggiornamento dei dati seguendo le istruzioni riportate al seguente link:

Segue, ovviamente, il link al sito di phishing, con richiesta di username e
password. Qui potete vedere la schermata, completa di URL, dell'ultimo arrivato.


E' interessante notare che l'URL è posteitaliane.net mentre tutti i link
puntano alla root poste.it.

Se si inseriscono valori a caso nei campi username e password, si accede ad una pagina in cui viene chiesto al malcapitato di fornire le credenziali e i PIN sia del Conto Banco Posta che della carta PostePay. Suppongo che segue a ruota un consistente prelievo dai propri risparmi faticosamente strappati all'inflazione.

Più volte ho segnalato queste comunicazioni truffaldine al servizio clienti di Poste Italane che, ad
onor del vero, hanno sempre risposto. Ma si tratta di risposte preconfezionate sul tono Caro cliente, siamo a conoscenza di questi fenomeni, lei non ci caschi e ora ci lasci in pace. Infatti questi tentativi continuano a capitare. Nonostante il processo (costoso) di ammodernamento dell'azienda e dei suoi uffici pubblici.

Come utente medio, quando vado in ufficio postale vedo che continuo a fare la cosa allo
sportello come dieci anni fa; solo che adesso la faccio tra scaffali di libri, DVD, confezioni regalo e portamatite a forma di cassetta delle lettere. E come utente medio, ogni qualvolta ricevo un tentativo di phishing, vorrei tanto che Poste Italiane smettesse di spendere i miei soldi in iniziative idiote e iniziasse a prevenire con serietà le truffe informatiche e i furti di identità
digitale dei suoi clienti.

Etichette:

20 settembre 2006

Più lavoro o meno lavoro? Dipende.

Oggi i giornali sentono l'impellente bisogno di dire la loro sull'occupazione.
Per Repubblica tramonta definitivamente il sogno del posto fisso per i giovani che si affacciano sul mondo del lavoro: l'articolo cita uno studio dell'Isfol secondo cui gli under 25 che ottengono un contratto a tempo indeterminato si contano sulle dita di una mano, e nel nord est concreto produttivo.
Il Corriere invece strombazza in prima pagina i dati dell'ISTAT secondo cui la disoccupazione cala ancora, come ai tempi del 92 (ma non era stato l' annus horribilis dell'economia italiana?) e vissero tutti felici e contenti. Mi piace come lavora l'ISTAT: per calcolare l'inflazione, si riferisce al prezzo del carcadè; per calcolare la disoccupazione, chiede al governo. O alla Regione Sicilia che ci tiene a fare bella figura.
Ma è La Stampa a dare il meglio della giornata: in Italia lavorano tutti, ma proprio tutti, anche i bambini.
Chi ha ragione? Difficile dirlo. Anche perché oggi è un giorno triste, si aper il mondo del lavoro che per quello del giornalismo: a tre uomini valorosi e giusti è stato messo il bavaglio. Chi ci salverà?

Etichette:

18 settembre 2006

[Vicenda Telecom] Fanno tutti un passo indietro.

Marco Tronchetti provera si dimette per salvaguardare l'azienda. Al suo posto Guido Rossi e Carlo Buora.
Angelo Rovati si dimette per salvaguardare il governo. A me non è ancora chiaro che se sia un'eminenza grigia, un capro espiatorio o una marionetta del teatrino, ma tanto innocente non deve esserlo, anche se dichiara che le sue slide erano "artigianali".
Romano Prodi, che di mestiere fa il primo ministro, continua a giurare e spergiurare che lui non ne sapeva nulla.
In tutto questo marasma, grazie al cielo Beppe Grillo per ora tiene la bocca chiusa. Si vede che la sua scorta di populismo è entrata in riserva, e sta facendo rifornimento.
Speriamo che abbia ragione chi dice che non è cambiato nulla, e non per bieco e italianissimo gattopardismo: ma perché con l'aria che tira mi sa che se si cambia, si cambia in peggio.



Etichette:

15 settembre 2006

[Vicenda Telecom] E ora?


Marco Tronchetti Provera si è dimesso dalla presidenza del gruppo Telecom Italia.
La notizia su Corriere e Repubblica. Gli altri giornali ancora non ne parlano.

Foto Corriere.it

Aggiornamento delle 22.30 e piccola rassegna stampa.

Su Corriere.it si apprende che lo scorporo di TIM sarebbe confermato. Sul Sole24Ore ancora nessuna notizia. Riportano brevi comunicati La Stampa e il portale Alice (via APcom).
All'estero, El Pais, che nei giorni passati ha commento la vicenda, dà rilievo alla crisi Ford ma non riporta delle dimissioni di Tronchetti Provera. Breve nota, infine, sul Finacial Times.

Blogger: al momento Mantellini e De Biase.

Etichette:

Un accordatore per PC.

Ho installato e provato un bell'accordatore software. Si chiama AP Tuner , funziona con chitarre elettriche e acustiche (usando il line in o il microfono), ed è molto preciso. E' possibile impostare accordature standard e alternative nonché la frequenza di riferimento (440 Hz di default). Sembra essere realizzato con Flash.
L'ho trovato particolarmente utile per effettuare l'intonazione della chitarra elettrica, operazione che richiede pazienza e uno strumento abbastanza preciso da visualizzare scarti anche ridotti tra una nota e la sua corrispondente un'ottava più alta.

Etichette:

Zune: il lancio di Microsoft.

Ieri ero troppo preso con la vicenda Telecom per dare opportuna segnalazione al lancio ufficiale di Microsoft Zune.
Siccome ne ho parlato in lungo e in largo, e con un certo anticipo, non sto a farla lunga.
Engadget (spulciate gli articoli con tag Zune) pubblica bellissime immagini nonché la dichiarazione del general manager di Zune, Chris Stephenson, secondo il quale a breve Zune avrà anche un telefono a bordo. Al mopmento non si capisce se sarà un VoIP su Wi-Fi o un GSM/CDMA (a seconda dei mercati).
Al di là dei dettagli tecnici, una cosa è chiara: come prevedeva l'amico Tomi Ahonen, l'era degli unconnected device è ormai irrimediabilmente tramontata.

Etichette:

14 settembre 2006

Telecom vista da dentro (anzi dal basso).

Ieri sera mi ha chiamato un amico per chiedermi come stavo. Quando gli amici si preoccupano di te perché sanno in che azienda lavori, allora le cose non vanno affatto bene.
Non ho mai fatto mistero di lavorare per Telecom Italia; eppure in questi giorni di particolare confusione, in mezzo ad un susseguirsi di notizie e smentite, mi sono imposto di tacere, di non scrivere una riga, di concentrarmi sul lavoro ed evitare di trasmettere la mia ansia all'esterno.
Qui all'interno (meglio: dall'alto al basso, ovvero dagli intoccabili ai peones) circolano messaggio di "serenità, orientamento agli obiettivi e non parliamone più". Io, che ho un ufficio di fronte ai distributori automatici di caffè, posso confermare che questi messaggi vengono giustamente ignorati, e che tra un espresso e una minerale non si parla d'altro. Col groppo in gola, beninteso.
Mi sono proposto di tacere. Allora dico solo che ne scrivono - molto, molto meglio di me - .mau., De Biase e Mantellini. Un lettore di Mantellini commenta ironico: Apple che compra Telecom, tutto il business nelle intercettazioni.
Corriere, Repubblica , La Stampa, e Financial Times  continuano a sottolineare gli aspetti drammatici, grotteschi e conflittuali della vicenda, e nonostante qualche (ingenuo o doloso) ottimismo sul filone media company, piovono critiche a destra e a manca, critiche difficili da respingere anche indossando i panni del dipendente. Oltre alla miserevole e materialistica preoccupazione di ritrovarsi presto in un'azienda dissanguata costretta a tagliare personale, c'è anche un sincero rincresicmento nel constatare che tanto la stampa quanto l'opinione pubblica usano termini come declino e sconfitta.
Sono troppo in basso per potermi esprimere su eventuali rischi finanziari e industriali a cui l'azienda potrebbe esporsi, e non mi va di parlare a vanvera per sentito dire. Da qui, dal basso della mia posizione, avverto forte e immediato il rischio che la persistente situazione di incertezza e la mancanza di una visione di lungo periodo, in termini di strategia e missione, possa tradursi in una perdita di fiducia, lealtà e impegno nei confronti dell'azienda. E non basta una letterina o le parole scanzonate del management per mettere l'animo in pace. Serve altro, ma non arriva.

11 settembre 2006

Lo strano caso di Angelo Maria D'Addesio ovvero come subire lo spam e vivere felici (davvero?)

Angelo D'Addesio è un personaggio curioso e un po' sfortunato. Come ho avuto occasione di scrivere, pare che nella blogosfera si aggiri un anonimo spammer che - udite, udite - cerca spasmodicamente gli scritti (mediocri, per altro) di questo giornalista (gli piace essere chiamato così, accontentiamolo) e li inserisce come commenti nei post dei blog di mezzo mondo.
Io ne fui vittima tempo fa: mi ritrovai inondato di suoi contenuti, scrissi quind D'Addesio spammer, questi intervenne dicendo : "Non sono stato io!", quindi rettificai, ma lui si manifestò ancora pestando i piedini: "Gùgol dice che sono uno spammer, aiutami tu che tutto puoi!". E allora di nuovo a dire ai quattro venti che D'Addesio è un bravo bambino eccetera eccetera.
Long story short.
In queste ore però mi ritrovo di nuovo il blog intasato dei suoi imperituri corsivi: uno, due , tre , quattro e cinque.
Ecco, sorge spontanea la domanda: ma chi è quel pirla che, di tutta la roba che si trova in rete, fa il copiaincolla proprio delle sudate carte di D'Addesio?
Mah. Misteri della rete.
Yawn.

07 settembre 2006

Le foto del matrimonio.

Ieri sera ho finlamente ritirato dal lab le stampe del servizio matrimoniale fatto a giugno in Sardegna agli amici Anna e Stefano.
Mi ha fatto effetto vedere il centianio di stampe a colori e in bianco e nero su Kodak Professional Endura in formato 20x30.
Nel grande, i piccoli errori sono grandi errori; ma, fortunatamente anche le cose ben fatte si vedono in grande.
Un effetto, dicevo. Una sensazione piacevole - e provata raramente - di soddisfazione mista a gratificazione. Mi sono divertito a scovare tutte le mie distrazioni e le imperfezioni dovute alla scarsa esperienza; ma ho scoperto anche di aver fatto qualcosina di buono, di aver colto un'espressione, un momento, un dettaglio che, tutti insieme, acquisiscono il senso che cercavo: quello dell'evento solenne, della festa, della tensione.
Nei ritratti, specialmente, ho ritrovato una misura che avevo perduto, e accantonato per fare posto alla ricerca formale degli ultimi anni in cui ho ripreso esclusivamente paesaggio.
Io non so se capiterà ancora di testimoniare un evento come un matrimonio - una faticaccia, e pure rischiosa. Ma l'affronterei con il benedetto senno di poi, con quel briciolo di esperienza in più che si acquisisce solo provando, sbagliando e osservando: mi eviterei l'ombra del lampeggiatore contro i muri bianchi ma anche l'uso di un'attrezzatura all-manual; cercherei di dominare di più la regia dell'evento senza temere di stare tra i piedi.
La vicenda, risultati fotografici a parte, mi ha insegnato molto. Ci vuole coraggio a fare le cose, ma anche un po' di incoscienza laddove non riesco a fare appello nella fiducia delle mie capacità. Perché le cose più sensate, questa volta, le ho fatte buttandomi da un precipizio col sorriso sul volto.
E' tutto un gioco, devo reimparare a giocare.


Etichette:

04 settembre 2006

Ciao, Steve.

Mi mancherai. Ho visto tutti i tuoi documentari, un appuntamento fisso.
Quest'estate in Florida in mezzo agli alligatori pensavo a come eri a tuo agio tra i coccodrilli austrialiani o manipolando ragni giganteschi e rettili d'ogni foggia.
Nessuno vuole morire, soprattutto così giovane. Ma gli animali erano la tua vita, e l'ultimo attimo l'hai vissuto con loro.
Riposa in pace.

Etichette:

01 settembre 2006

Medici.

A fine luglio, tanto per cambiare, ho subìto un incidente. Fermo allo STOP in Vespa sono stato tamponato da una Peugeot. Sleale, se ci pensate. Un'esperienza simile consente di verificare che il poggiatesta del sedile dell'auto serve davvero a qualcosa. Infatti la botta mi ha fatto un male cane. Ad un mese dall'incidente ho ancora mal di testa. Che si fa in questi casi? Procedura standard: visita al pronto soccorso e poi visita del medico della mutua per il decorso e le scartoffie.

A quanto pare, un decreto recente ha stabilito che è il medico del pronto soccorso, in base alla triage o all'umore del giorno, a stabilire se il paziente deve pagare o meno i 36 euro di ticket. Io devo essergli stato antipatico, perché me li ha fatti pagare tutti e 36 nonostante fossi vittima di un incidente stradale. Pazienza.

Il bello viene dopo. Viene col medico della mutua.
Mio padre, che è un medico all'antica, una volta mi ha detto che ci sono tre tipi di dottori in base al metodo con cui diagnosticano le malattie: i primi chiedono, i secondi toccano con mano mentre ai terzi è sufficiente osservare.
Evidentemente non conosceva il mio dottore della mutua, che è davvero formidabile. Lo chiameremo dottore del quarto tipo.

Il dottore del quarto tipo (di seguito d4t) è un incrocio tra un uomo e una scrivania disordinata, e non può stare in posizione eretta né deambulare senza una BMW serie 3.
Il d4p tipo esercita la medicina in presenza del paziente ma esclusivamente dal proprio computer.
Quando il paziente gli si para di fronte, il d4t non proferisce parola né interrompe la partita a Tetris, segno di grande capacità di concentrazione e distaccamento emotivo.
Dev'essere il paziente a rompere il silenzio per palesare la propria presenza ed avanzare una richiesta di aiuto, meglio se corredata da una diagnosi del pronto soccorso.
Non ci si faccia trarre in inganno dal continuo cliccare sul sito di Penthouse e gli occhi rivolti al cielo. Sebbene la prima impressione sia che il paziente gli sta rompendo i coglioni, in realtà il d4t sta dimostrando la sua superiorità scientifica e metodologica.

Laddove i suoi colleghi si abbassano a chiedere, tastare, auscultare o financo osservare, lui no: lui clicca.
Grazie all'intuito straordinario e a numerosi modelli precompilati in Word, dopo circa 20 secondi dal d4t si apre una prima fessura, da cui escono alcuni certificati che confermano la correttezza della diagnosi del pronto soccorso, e una seconda fessura, più piccola, in cui occorre inserire euro 30 (25 + IVA) ad uso interno. Il d4t rilascia ricevuta a fini fiscali quindi sigilla i certificati testè emessi.
E' il segnale convenuto. Il paziente, con un inchino e parole di gratitudine, deve intascare i certificati ed allontanarsi al fine di nn abusare oltre della paziente professionalità del d4t, nuovamente assorto nello schermo piatto da 21 pollici a matrice attiva e Dolby Surround, e non può sentire oltre. Pertanto, se il paziente ha omesso di dire che in quel momento accusa forti dolori al petto e al braccio sinistro, il d4t non vorrà elaborare i dati. Pazienza, sarà per il prossimo consulto.

Etichette: