26 gennaio 2005

Addio, mio pesciolino!



Genova. La Stampa di oggi e i TG di ieri riportano una notizia che chiude un'era: i pesciolini rossi non potranno essere più un premio in palio agli stand del Luna Park di Genova. Trattandosi di un animale, non può essere ceduto come premio in quanto lo si ridurrebbe ad oggetto. Plausi al legislatore. Vediamo perché.

Nelle vacanze di Natale, il giro al Luna Park era la tappa obbligata per bambini e infreddoliti genitori.

Per chi, dotato di grandi abilità, riusciva a centrare il barattolo con una pallina da ping-pong o infilare un anello di plastica intorno a qualche oggetto, il premio più ambìto era lui: l'occhiuto, spaurito, squamoso pesciolino rosso, ceduto in un sacchettino di plastica trasparente chiuso con un nodo.

I giostrai dimostrarono ben presto di conoscere il marketing e, nel consegnare l'animaletto nelle mani del bimbo, proponevano ai genitori l'acquisto di un piccolo acquario con tanto di palmette di palstica e anfora romana sul fondo nonché del mangime in scaglie. Ovviamente il prezzo era fuori mercato ma, si sa, in quei momenti è facile abboccare.

Il pesce godeva nei primi giorni di asfissianti attenzioni da parte del neoproprietario, che tentava di alimentarlo una dozzina di volte al dì, con seri rischi per la salute del minuto vertebrato.

Nei giorni seguenti, si poteva osservare l'euforia svanire all'aumentare della sporcizia nella vasca e al diminuire delle dimensioni del pesce, cui spesso si negavano gli alimenti.

Gli esemplari tenuti nelle tipiche bocce, a furia di giarare in tondo e nella stessa direzione, lamentavano ben presto problemi all'apparato scheletrico il cui raggio di curvatura era destinato ad aumentare. Da qui, i famosi pesci arco altrimenti detti unidirezionali.

Se il pesce riusciva a sopravvivere fino alle vacanze estive, si poneva il problema del trasporto nel luogo di villeggiatura o della sua sopravvivenza nella casa di città, in base a presunte capacità di autosufficienza e procacciamento del cibo, quantomeno improbabili in 3 litri d'acqua clorata.

E così, ogni anno, si ripeteva un rito antichissimo e un crudele: la mattina della partenza, alle prime luci dell'alba, con la 128 già carica di valigie, uno dei genitori doveva assolvere al delicato compito di spiegare al figlioletto dove era finito il pesciolino.

"Tesoro, è tornato in mare, dai suoi amici. Non poteva venire con noi a Frabosa".

Il dolore per la perdita del piccolo amico durava il tempo di due lacrimucce, e poi tutti si partiva per le vacanze.

Tornato in mare. Già.

Quanti anni ci sono voluti per capire come aveva fatto a tornarci.


7 Commenti:

Blogger AndreaT ha scritto...

Non dimentichiamoci però degli amici occhiuti più fortunati, quella moltitudine che popolava le vasche della Villa Imperiale e dei parchi di Nervi e si gonfiava la panza (gonfiava in senso letterale, a volte fino all'esplosione) di mollìche gettate da generose vecchine. Tutto questo al passato: ora sono le tartarughine le incontrastate dominatrici di questi buffi ecosistemi

6:30 PM  
Blogger Pippo ha scritto...

La sostanza non cambia.
Anzi: è a noi tutti nota la drammatica genesi delle tartarughine ninja (nome completo : Teenage Mutant Ninja) che popolano i nostri mari.

9:18 AM  
Anonymous Anonimo ha scritto...

I miei pesciolini che "salvavo" al Luna Park sono morti TUTTI di vecchiaia.
Ho salvato tartarughe, criceti infreddoliti, una anatra cucciola e un pulcino tinto di blù.
Ero piccola ma sapevo bene dove volevo arrivare.
Alle fiere ho comperato anche una piccola oca rattrappita con una zampa rotta.
Con mio padre ho salvato un pappagallo alla fiera sporca di un paesino dell'entroterra.
L'ho curato ma non sono riuscita a farlo vivere che per poco tempo.
Avevo 12 anni.
Oggi continuo con mio marito, cani, gatti, tassi, topolini.....

1:41 PM  
Blogger Raffaele ha scritto...

Sempre odiato i pesci rossi: fin da piccolo ho avuto in casa un vero acquario! :-)
Già mio padre mi teneva lontano dalle palline da ping-pong da lanciare nelle bocce...eheheh

Tanto è vero che ho un ble BLOG dedicato ai miei acquari:
Acquariofilia? Acquariando!http://acquariando.blogspot.com

4:46 PM  
Anonymous Cicca ha scritto...

Volevo informarvi che proprio ieri mia figlia ha vinto un pesciolino rosso alle giostre...

3:17 AM  
Anonymous Anonimo ha scritto...

... e il mio cane ieri a momenti non m'ammazza una papera..l'ha tenuta un po tra i denti e poi l'ha lasciata andare..
per giunta sono stato cazziato da una psico-animalista di passaggio che mi ha sorpreso mentre lo rimproveravo (con qualche scappellotto) di lasciar stare i pennuti..
ste

3:59 PM  
Anonymous Anonimo ha scritto...

be se i giostrai nei loro luna park fanno sentire un pesciolino della semplice merce si figuri quelli che stanno in un negozio animali che teli-vendono a prezzi esorbitanti e ti muoiono in un giorno o due,o pure cambia qualcosa tra un giostraio e un negoziante vivi e lascia vivere

10:34 PM  

Posta un commento

<< Home